Archive for maggio 2010

Wan Yanhai lascia la Cina

maggio 10, 2010

Wan Yanhai, attivista nella lotta all’AIDS, ha lasciato la Cina e rimarrà negli Stati Uniti con la sua famiglia. Troppe pressioni e intimidazioni da ambienti governativi l’hanno portato a questa decisione. Molti hanno espresso solidarietà su twitter. Altri l’hanno accusato di abbandonare la lotta per cercare rifugio fra braccia straniere. Zeng Jinyan, moglie di Hu Jia – altro attivista anti AIDS in carcere dal 2008 – oggi salutava in questo modo (@zengjinyan)

Ho appena saputo che Wan Yanhai è andato in esilio negli Stati Uniti con tutta la famiglia, sono scioccata. Ho subito provato a chiamare lui e sua moglie, ma niente da fare. Piango, il volto mi si è riempito di lacrime. Da un lato auguro loro tutta la felicità e la libertà possibili, dall’altro sento che è proprio difficile da accettare.

Ivan Franceschini, su Cineresie.info, racconta come sono andati i fatti.

Annunci

Cineresie

maggio 2, 2010

Dopo lunga gestazione nasce finalmente Cineresie (cineresie.info).

Con due cari amici blogger e ricercatori (Ivan Franceschini e Gianluigi Negro) abbiamo deciso di unire le forze e dare il nostro contributo nel proporre “nuove prospettive sulla Cina contemporanea”. Parte così da oggi l’avventura di Cineresie.

“Caracina” rimane, probabilmente diventerà più un quaderno d’appunti e il grosso del lavoro, per me, verrà indirizzato verso il nuovo progetto che speriamo crescerà nel tempo e si aprirà a nuovi contributi per raccontare la Cina come piace a noi. Come piace a noi? Lo abbiamo spiegato in breve nella presentazione del sito che incollo di seguito. Siamo anche su facebook e twitter.

Cineresie nasce nel maggio del 2010 come sito d’informazione e analisi sulla società cinese contemporanea.  Le “cineserie” sono ninnoli cinesi o imitazioni di originali cinesi, un tipo di prodotto particolarmente di moda in Europa tra il Seicento e il Settecento; l’ “eresia” invece è un’affermazione o idea contrastante con le dottrine ufficiali o con l’opinione accettata comunemente.

In linea con il suo nome, questo sito si propone di dare alcune letture originali su quello che è la Cina di oggi, scardinando la comune visione di questo paese come una realtà in bianco e nero, in cui a un governo autoritario e repressivo si contrappongono pochi coraggiosi individui. Cineresie cerca di raccontare la complessità della società cinese contemporanea, senza cristallizzarsi sulle posizioni dei “paladini dei diritti umani”, né su quelle di coloro che nella Cina vedono un paese ideale ingiustamente maltrattato dai media occidentali. Per raggiungere questo obiettivo, Cineresie lascia, per quanto possibile, la parola ai cinesi stessi, fungendo da ponte tra questi ultimi ed il lettore italiano.